Crea sito
22 settembre 2017

Fiaba : Tremotino

Dopo un anno diede alla luce un bel maschietto e non si ricordava neanche più dell’omino, quando questi le entrò d’un tratto nella stanza a reclamare ciò che gli era stato promesso. La regina inorridì e gli offrì tutte le ricchezze del regno, purché‚ le lasciasse il bambino; ma l’omino disse: “No, qualcosa di vivo mi è più caro di tutti i tesori del mondo.” Allora la regina incominciò a piangere e a lamentarsi, tanto che l’omino s’impietosì e disse: “Ti lascio tre giorni di tempo: se riesci a scoprire come mi chiamo, potrai tenerti il bambino.”

La regina passò la notte cercando di ricordare tutti i nomi che mai avesse udito, inviò un messo nelle sue terre a domandare in lungo e in largo, quali altri nomi si potevano trovare. Il giorno seguente, quando venne l’omino, ella cominciò con Gaspare, Melchiorre e Baldassarre e disse tutta una lunga sfilza di nomi, ma ogni volta l’omino diceva: “Non mi chiamo così.” Il secondo giorno, ella mandò a chiedere come si chiamasse la gente nei dintorni e propose all’omino i nomi più insoliti e strani quali: Latte di gallina, Coscia di montone, Osso di balena. Ma egli rispondeva sempre: “Non mi chiamo così.”

Il terzo giorno tornò il messo e raccontò: “Nuovi nomi non sono riuscito a trovarne, ma ai piedi di un gran monte, alla svolta del bosco, dove la volpe e la lepre si dicono buona notte, vidi una casetta; e davanti alla casetta ardeva un fuoco intorno al quale ballava un omino quanto mai buffo, che gridava, saltellando su di una sola gamba:

“Oggi fo il pane,
la birra domani, e il meglio per me
è aver posdomani il figlio del re.
Nessun lo sa, e questo è il sopraffino,
Ch’io porto il nome di Tremotino!”

All’udire queste parole, la regina si rallegrò e poco dopo quando l’omino entrò e le disse: “Allora, regina, come mi chiamo?” ella da principio domandò: “Ti chiami Corrado?” – “No.” – “Ti chiami Enrico?” – “No.” – “Ti chiami forse Tremotino?”

“Te l’ha detto il diavolo, te l’ha detto il diavolo!” gridò l’omino; e per la rabbia pestò in terra il piede destro con tanta forza, che sprofondò fino alla cintola; poi, nell’ira, afferrò con le mani il piede sinistro e si squarciò.

Pagine 1 2



Commenti

Attualmente non ci sono commenti, puoi essere il primo compilando il modulo sottostante.

Scrivi La Tua Opinione

*