Crea sito
27 luglio 2017

La fiaba della Sirenetta

la sirenetta fiaba

C’ era una volta, una sirenetta di nome Ariel, figlia del re del mare.
Abitava in un fantastico regno sottomarino, ma il suo sogno era vivere sulla terra.

Re Tritone scoprì che spesso la figlia saliva in superfice per osservare gli uomini, anche se era vietato. “Ariel ha bisogno di qualcuno che la sorvegli e la tenga fuori dai guai!” ordinò allora al granchio Sebastian.

Nessuno però poteva fermare Ariel! Un giorno si avvicinò ad una barca, dove vide Eric, un bellissimo principe. Improvvisamente,
scoppiò una terribile tempesta e il giovane precipitò in mare.

Sarebbe sicuramente annegato, se la sirenetta non fosse corsa in suo aiuto, portandolo a riva. “Com’è bello!” esclamò accarezzandogli il
volto e gli cantò una tenera canzone d’amore. Poi, quando il principe riaprì gli occhi, si tuffò veloce in mare.

Re Tritone seppe subito ciò che aveva fatto Ariel. “I contatti tra il mondo umano e il mondo marino sono vietati!” gridò il re. “Papà,
io lo amo!” confessò la sirenetta. Poi andò da Ursula, la strega del mare, che promise di trasformarla in donna, ma aggiunse: “Prima che il sole tramonti il terzo giorno, il principe deve darti un bacio d’amore”.

“Se non lo farà, tornerai ad essere una sirena e mi apparterrai,” concluse e, in cambio del suo aiuto, volle che Ariel le donasse la voce. La sirena accettò: subito la coda si mutò in gambe. Aiutata dal
pesciolino Flounder e da Sebastian, raggiunse la riva, dove incontrò
Eric.

Il principe, accortosi che Ariel non poteva parlare, le offrì il suo aiuto e la condusse a palazzo. Se avesse saputo che era stata lei a salvarlo! Eric non era riuscito a scordare il canto della fanciulla che lo aveva salvato.

Ariel comunque gli piaceva e la portò a fare una romantica gita in barca. Quella fanciulla senza voce era proprio graziosa ed Eric stava per baciarla… quando due orribili murene, al servizio di Ursula, rovesciarono la barca.

La strega del mare, temendo che Ariel riuscisse a farsi baciare, si trasformò in una deliziosa ragazza: al collo la conchiglia che custodiva la voce.

Non appena il principe la vide e ne udì il canto, credette di riconoscere in lei la fanciulla dei suoi sogni e la volle sposare il giorno stesso.

Ma gli animali amici di Ariel, scoperto il piano di Ursula, aggredirono la sposa a bordo della nave nuziale, impedendo il
matrimonio. Durante la lotta, la conchiglia si ruppe: Ariel riebbe così la sua voce, ma, proprio allora, il sole del terzo giorno tramontò e lei ritornò sirena.

Immediatamente Ursula, riprese il suo aspetto, afferrò Ariel e la
trascinò con se in mare. Ma il principe l’inseguì negli abissi marini e, dopo una terribile lotta, riuscì ad avere la meglio sulla crudele strega del mare.

I due giovani erano salvi! Ariel però sedeva triste su uno scoglio: Eric era un uomo e lei invece una sirena. Non sarebbero mai potuti
stare insieme… Ma ecco arrivare Re Tritone:

“Sembra sul serio molto innamorata, non è vero Sebastian?” osservò.

E, commosso trasformò nuovamente Ariel in donna. Il matrimonio fu
celebrato a bordo della nave nuziale. Gli uomini e le creature del mare, felici che il sogno di Ariel fosse divenuto realtà, festeggiarono insieme agli sposi.

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.



Commenti

Attualmente non ci sono commenti, puoi essere il primo compilando il modulo sottostante.

Scrivi La Tua Opinione

*