Crea sito
18 dicembre 2017

La fiaba di Cenerentola

fiaba cenerentola

C’era una volta, in un paese lontano, un gentiluomo vedovo che viveva in una bella casa con la sua unica figlia.

Egli donava alla sua adorata bambina qualsiasi cosa ella desiderasse: bei vestiti, un cucciolo, un cavallo….. Tuttavia capiva che la piccola aveva bisogno delle cure di una madre.

Così si risposò, scegliendo una donna che aveva due figlie giovani, le quali, egli sperava, sarebbero diventate compagne di giochi della sua bambina.

Sfortunatamente, il buon uomo morì poco tempo dopo, ed allora la matrigna mostrò la sua vera natura.

Era dura e fredda, e profondamente invidiosa della dolcezza e bontà della sua figliastra, perché queste qualità facevano per contrasto apparire le sue due figlie, Anastasia e Genoveffa, ancor più meschine e brutte.

Le sorellastre andavano riccamente vestite, mentre la povera ragazza era costretta ad indossare un vestito semplice e grossolano, ed un grembiule, e a compiere in casa tutti i lavori più pesanti. Si alzava prima dell’alba, andava a prender l’acqua, accendeva il fuoco, cucinava, lavava e puliva i pavimenti. Quando aveva finito di sbrigare tutti i lavori, per riscaldarsi era solita sedersi vicino al camino accanto al carbone ed alla cenere. Perciò cominciarono a chiamarla Cenerentola.

La matrigna e le sorellastre dormivano in belle stanze, mentre la piccola camera di Cenerentola era in soffitta, proprio sotto il tetto della casa, deve vivevano dozzine di topi. Nonostante tutto questo, Cenerentola rimase gentile e cortese, sognando che un bel giorno la felicità sarebbe arrivata. Fece amicizia con gli uccelli che la svegliavano tutte le mattine. Fece anche amicizia con i topi con cui divideva la soffitta, diede a ciascuno un nome, e cucì loro dei minuscoli vestiti e cappelli. I topi amavano Cenerentola e le erano grati, perchè talvolta li liberava da una trappola o li salvava da Lucifero, il malizioso gatto della matrigna.

Ogni mattina, Cenerentola, preparava la colazione per tutti gli abitanti della casa: una scodella di latte per il gatto, un osso per il cane, avena per il suo vecchio cavallo, granoturco e frumento per le galline, le oche e le anitre del cortile. Poi portava al piano di sopra i vassoi della colazione per la matrigna e le sorellastre Anastasia e Genoveffa. “Prendi questa roba da stirare e riportala entro un’ora” ordinava Genoveffa. “Non dimenticare il mio rammendo, e non impiegare tutto il giorno a finirlo!” la rimproverava Anastasia. “Stendi il bucato e vai avanti col tuo lavoro” ordinava la matrigna “Batti il grande tappeto della sala, lava le finestre, pulisci la tappezzeria!” “Si Genoveffa. Si Anastasia. Si mamma” rispondeva Cenerentola mettendosi al lavoro di buona lena.

Dall’altra parte della città c’era il palazzo reale. Un giorno il re convocò il granduca Monocolao e gli disse: “E’ tempo che il principe prenda moglie e si sistemi!” “Ma vostra Maestà” rispose il duca ” deve prima trovare una ragazza ed innamorarsi!” “Hai ragione” ammise il re. “Daremo un ballo ed inviteremo tutte le fanciulle del reame. Dovrà per forza innamorarsi d’una di loro.” Subito furono spediti gli inviti e il regale biglietto fu portato anche nella casa di Cenerentola. “Un ballo! Un ballo! Andremo ad un ballo!” gridarono Anastasia e Genoveffa. “Anch’io sono invitata” disse Cenerentola. “C’è scritto: ‘Per ordine del Re, ogni fanciulla dovrà partecipare!”. Le sorellastre risero all’idea di Cenerentola che andava ad un ballo indossando il grembiule con una scopa in mano. Ma la matrigna, con un sorriso sornione, disse che Cenerentola sarebbe certamente potuta andare se avesse finito il suo lavoro e si fosse procurata un vestito decente da indossare. “Se…..” rise Anastasia “Se…..” sghignazzò Genoveffa. E venne il gran giorno. Fin dall’alba le sorellastre furono indaffarate a scegliere abiti, sottovesti ed ornamenti da mettere nei capelli, e non parlarono che del modo in cui si sarebbero vestite per il ballo. Nel frattempo Cenerentola fu tenuta più occupata del solito, perché dovette stirare le ampie gonne, sistemare le guarnizioni, annodare i nastri. Quando venne la carrozza a prendere la matrigna e le sorellastre, Cenerentola non aveva avuto neppure avuto il tempo di prepararsi. “Bene” disse la matrigna. “Allora non verrai. Che peccato! Ma ci saranno altri balli!” Cenerentola salì tristemente le scale buie e si affacciò alla sua finestra illuminata dalla luna. E guardò mesta il palazzo lontano che risplendeva di luci.

All’improvviso, una candela venne accesa alle sue spalle. Cenerentola si voltò, e vide un bellissimo vestito da sera.

L’avevano cucito per lei gli uccelli ed i topi suoi amici, e lo avevano decorato con pezzi di nastro e perline che avevano trovato in giro per la casa. In men che non si dica, Cenerentola indossò il vestito e corse giù per le scale, gridando: “Per favore, aspettate, vengo anch’io!” Anastasia e Genoveffa si girarono: com’era bella! L’invidia le accecò e… “Le mie perle!” gridò una. “Il mio nastro!” urlò un’altra e strapparono il vestito di Cenerentola. Poi, soddisfatte se ne andarono. Disperata Cenerentola corse in giardino e singhiozzò: “E’ proprio inutile. Non c’è niente da fare!” Ma in quel momento da una nuvola di polvere di stelle uscì una donnina dalla faccia tonda, avvolta in un mantello con cappuccio.

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Pagine 1 2



Commenti

  1. giorgetta dice:

    bellissima idea. mia mamma mi mette questa fiaba quando vado a letto e mi piace tanto. iao

Scrivi La Tua Opinione

*